03/08/10

Topwater al tramonto

E' stato un luglio molto avaro di catture quello appena trascorso.
Era infatti un bel pò di tempo che non entravo in un periodo così stregato per quanto riguarda lo spinning che preferisco: quello in mare  in ambienti naturalisticamente affascinanti.
Un mese caratterizzato da diverse uscite, circa una decina, con poco sonno sulle spalle e tanti chilometri macinati in spiaggia e scogliera alla ricerca dell'agognato pesce della svolta che però restava sempre un miraggio anche in quei momenti in cui tutto sembrava perfetto.
Spesso i pesci erano attivi, lo sapevo bene, oppure li vedeo addirittura cacciare intorno alla barca, ma c'era sempre un qualcosa che li teneva lontano dalle mie esche...forse proprio la troppa voglia di prenderne uno è quella che in certi momenti ti fa lanciare come un forsennato senza lasciarti il tempo fondamentale di fermarti a riflettere su cosa stai facendo e su come mai le cose stanno andando così.
Nelle ultime due pescate di questo weekend ho veramente accusato il colpo, riuscendo però a trarre dalla sconfitta (se così si può chiamare) considerazioni credo importanti per il futuro...

Per fortuna tra weekend e weekend qualche uscita a bass incentrata quasi esclusivemente sul topwater (buzzbait, basyriski e wake baits in particlare) mi ha regalato qualche bella scossa di adrenalina con dei sonori attacchi al calare della luce  che mi infondono sempre un pò di morale....


 Con la fine di questa settimana e con l'arrivo delle ferie mi concentrerò esclusivamente per un pò di tempo sulla pesca sw, sperando di sostituire le foto di bass con quelle di qualche bel predatore del sottocosta...

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.