18/10/10

Una giornata da ricordare

Era un pò di tempo che non scrivevo un report di una bella pescata, vuoi per mancanza di catture degne di nota, vuoi per mancanza di stimoli veri.
Negli ultimi mesi mi sono infatti spesso rifugiato a scrivere sul mio blog per non dimenticarmi emozioni e sensazioni provate, non sentendomi utile alla comunità di seaspin nel raccontare catture standardizzate e non frutto di particolari ragionamenti e riflessioni.
Una mattinata come quella di sabato è però sicuramente da ricordare nel tempo e devo cercare in qualche modo di farvela godere a tutti voi.
Una pescata in compagnia, insieme ad amici che era un pò che non vedevo e baciata da condizioni meteomarine perfette per quello che cercavamo noi: tunnidi.
In questa stagione infatti in certe zone d'Italia la bassa pressione e il cielo coperto sono spesso un richiamo irresistibile per i pesci che entrano a volte in una frenesia alimentare veramente allucinante dando vita a veri e propri spettacoli della natura.

Sabato usciamo dal porto scelto per la nostra uscita circa alle otto e mezzo e dopo una ventina di minuti di navigazione in un mare non prorio tranquillizzante arriviamo nella zona che nei giorni precedenti aveva visto discreto movimento di pesci.
Piove, e Michael già comincia ad accusare il mal di mare, ma non lo riporterò a terra prima di pranzo: il suo destino è segnato, lo sa e ingoia il suo primo travelgum.
La prima ora però è avara di segnali e solo un paio di pesci a light jigging si fanno vedere testimoniando comunque la ricchezza delle acque scelte per la battura.

Verso le nove e mezza però all'orizzonte scorgo una macchia scura: sono una marea di gabbiani....
vado in frenesia....andiamo in frenesia....l'accelleratore del gommone va giù a manetta, noi voliamo nel pozzetto ma con i nervi tesi pronti a lanciare...più ci avviciniamo più lo spettacolo è assurdo e l'adrenalina sale: è il delirio totale, centinaia di tonnetti appallano acciughe che friggono in superficie in attesa del loro destino.
Tre jig volano in acqua: è la prima triplice incannata di una mattinata epica.
In tre ore e mezza in tre allameremo una quantità impressionante di tonnetti misti a tonnacchiotti rossi tra il chilo e mezzo e i due chili e mezzo, tutto in un dianamismo continuo, inseguendo le mangianze che si spostano veloci e rapide...il giochino e tutto li, rapidità di spostamento, precisione di lancio e pesce in canna.
A parte qualche pesce per riempire dei congelatori (almeno il mio) da troppo tempo deserto, la quasi totalità dei pesci torna in acqua: grazie a frizioni belle serrate e combattimenti veloci il godimento è amplificato e massimo e il pesce riparte guizzante.
Dopo la prima sbornia a jig decido che devo godere in tutti i modi: è l'ora di pescarli a galla.

Delirio puro...
E' tutto un inseguimento, bollate, salti, wtd che saltano sulla superficie del mare lanciati in aria dai pesci...allamate rapide, in volo, o con solo l'esca appoggiata sul pelo dell'acqua sottobordo!!

La sbornia di pesce è pesante....i postumi personalmente li ho tutt'ora....

Abbiamo veramente goduto, auguro anche a voi prima o poi di trovarvi in questa situazione, un vero spettacolo della natura.
Unico neo sono i tonni rossi da 30 kg che sono apparsi a 10 metri da poppa a predare anche loro le acciughe...ci ho lanciato con la labrax un jig e un ketch ma non li hanno degnati, peccato mi sarei giocato volentieri la frizione del certate in battaglia!!

Un pò di foto e un video fatto con la headcam che tagliando, tagliando meno di 12 minuti non sono riuscito a fare...il pazzo che parla maremmano sembro io ma in realtà è un mio sosia più rozzo e mezzo pazzo...non è possibile che sia così schizzato quando pesco!!!
Un grazie infine ai miei compagi di ventura, capitano Gabriele che ha dovuto guidare il gommone subendo i miei ordini totalmente annebbiato dai pesci e a un Michael tornato alla pesca dopo un periodo di astinenza.
A voi...













Dati tecnici:


Attrezzatura:

Io: Seaspin rod labrax + certate HC 3000 + casting pe 23 lb + seaguar 0,43 + jack clip 25 lb

Michael: Seaspin rod cinqueottavi + Morethan branzino 3000 + untika 20 lb + seaguar 0,43 + jack clip 25 lb

Gabriele: Loomis Slate 5/8 + certate 2500 + super pe 16 lb + seaguar 0,43 + jack clip 25 lb


Esche:

Metal jig: dai 25 ai 40 grammi in relazione alla corrente e necessità di lancio, i miei montati con doppio assist hanno ancora una volta confermato ferrate profonde e facilità di slamatura;

Wtd: dog-x, giant dog, mahi pen

1 commento:

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.