23/11/10

Beffa serale

Piena e giretto serale in arno....gorgo sottoriva la cts nuova si inchioda, ferratona gt style e il pesce pompa e se ne va controcorrente: l'over è arrivato finalmente!!
E invece dopo 5 minuti vedo un gorgo a galla troppo piccolo...un maledetto 140 per un fianco stavolta mi ha fatto davvero credere nel pescione!!
Rapida foto e via...

 

22/11/10

Su e giù per la maremma

La serie positiva continua e tra onde in faccia, temporali improvvisi, camminate a piedi e spostamenti in macchina alla ricerca dello spot migliore, altre spigole si sono fatte fotografare.
Come al solito alcune sono finite nel forno, altre sono tornate in mare: mi piace infatti rilasciare i pesci e me lo impongo sempre sotto una determinata taglia o quando ho raggiunto il fabbisogno necessario per la settimana....ma il gusto di una spigola marina al sale è impareggiabile.
Non mi piace raccontare false storie in nessun campo, nemmeno in quello della pesca...e propiro per questo vi suggerisco quello che credo sia il miglior modo per rispettare e onorare il pesce se si decide di trattenerlo:
Prima una foto rapida e ben fatta, poi una uccisione veloce e secca  con un colpo in testa per evitare al pesce inutili sofferenze (specialmente le spigole che hanno una vitalità assurda fuori dall'acqua), pulizia immediata e lavaggio in mare...il modo migliore secondo me per non incorrere nel rischio anisakis se si decidesse di mangiarlo crudo ed inoltre in questo modo si evitano sapori sgradevoli delle carni valorizzandole al massimo.



15/11/10

Riflessioni di inizio stagione

E' il terzo weekend che dedico parzialmente o completamente alla ricerca della spigola, il pesce che da a me è più di ogni altro amato e ricercato, soprattutto se condito da sale e onde....
Vuoi per fortuna, vuoi per scelte azzeccate in tre uscite sono sempre riuscito a trovare la giusta chiave di volta, tranne sabato in una spiaggia aperta dove forse non ci ho creduto abbastanza.
Ogni volta condizioni diverse, ogni volta esche diverse e presentate in modo congruo alle condizioni trovate: forse è questo il modo di affrontare le pescate alla spigola.
Ancora molti tasselli mancano al completamento del mosaico, però qualcuno sto cominciando a metterlo, trovando un pò di certezze nell'esperienza diretta di catture effettuate in condizioni simili.
Minnow palettati, gomma molto piombata scoperta, gomma spiombata o leggermente piombata ma coperta....è un rebus al quale non è facile  trovare soluzione, ma è questo il bello e il fascino dello spinning alla regina.
Devo ancora capirne bene i comportamenti in certe situazioni, come in porto di notte, in certi canali, o in mezzo a mareggiate portentose a lunga distanza...soprattutto in quest'ultimo caso non capisco perchè ma ancora riesco a fregare solo le spigole che mi cacciano vicino e mai quelle che pascolano sui limiti di canaloni e secche ad una certa distanza da riva...eppure so che ci sono.
Lo spinning per me è questo: un gioco fatto si di pesca, ma anche di riflessioni e ragionamento, che possano portare sempre qualcosa di nuovo e stimoli per affrontare la prossima sessione di pesca.



09/11/10

La giornata perfetta

Ci sono periodi nell'anno in cui a pesca tutto gira storto: fai tante uscite, prendi onde in faccia, ti riempi di sale senza riuscire mai a trovare un pesce che ti regali emozioni forti.
Ci sono poi delle giornate che nascono quasi per caso e che poi invece si trasformano in momenti indimenticabili da ricordarsi a lungo.

Sabato come al solito faccio un giro nelle mie scogliere a cercare quella lampugona che quest'anno non vuole prorio arrivare, ma nulla, in 5 ore di attesa e girovagare l'unica bella carica la avvisto a 1km circa da me e quindi posso solo limitarmi ad osservarla.
Tornato a casa ci sentiamo con Daniele e decidiamo di trovarci la mattina alle 5 il giorno dopo per un albeggio a spigole visto che il meteo è cambiato e sta levando il libeccio...
La nottata è però per me travagliata per problemi di salute vari e quindi alle 4 sono costretto a mandare un messaggio e rimandare la partenza solo se mi sento meglio....alle otto non ce la faccio più e gli dico che dopo poco sarò da lui: meglio ammalarsi godendo di un pò d'onde che standosene ad ammuffire a casa.
Vista l'ora tarda e il vento che aumenta decidiamo di dirigersi verso una spiaggia che probabilemtne con quelle condizioni schiuma bene, non eccessivamente e soprattutto non dovrebe essere sporcata da poseidonia o detriti in sospensione portati da fiumi che in questo periodo sono in piena.
Arrivati il vento e le onde ci rivitalizzano: è tutto come da manuale...ma vano trovati i pesci!
Iniziamo a battere la spiaggia e dopo circa un ora sento Daniele che mi urla e indica qualcosa: un branchetto di cefaletti salta parallelo al gradino di risacca e dietro vedo l'inconfondibile predata di una spigola....lancio tutto laterale per intercettarla...la morethan si piega e la asseconda dolcemente sulla riva.
Sono già felicissimo, due spigole a ditanza di una settimana una dall'altra da noi è già tanto, soprattutto in mare e non in canale!!


Continuiamo decisi e dopo poco a 100 metri da me vedo Daniele con la 1021 piegata e dopo poco alza il braccio in segno di vittoria: una gemella della mia, perfetto la giornata si potrebbe anche concludere così!!


...e invece sarà solo l'inizio.

Ci redniamo conto che per la prima volta abbiamo trovato le spigole in caccia su cefaletti e battono un canale parallelo alla riva per circa 1 km alla loro ricerca.
Insistiamo decisi anche se non vediamo più predate e dopo poco ne prendo un'altra più piccola che rilascio.

Passa mezz'ora e Daniele mi riurla agitato che ha in canna un bel pesce: è la sua prima spigola di talgia e mollo tutto e corro ad aiutarlo anche se ce l'avrebbe fatta tranquillamente da solo.
E' un bellissimo pesce sui 2,5 kg.


Continuiamo e ne prendo un'altra sul chilo e mezzo ma oramai la mia mente è rivolta solo alla ricerca della big mama: sono sicuro che c'è...è lei che voglio.

Ci spostiamo ancora e in una schiumata rivvediamo delle cacciatine: lancia daniele e incanna subito...io cerco di centrare la cacciata....lo shad tocca l'acqua, vibra, attacco quasi a galla da paura....la morethan si inchioda e il testone non sale.
E' lei lo so.
Tengo la calma le onde sono alte e cerco di farla sfogare mantenendo la tensione che serve non concedendo filo....il testone sale a galla, la vedo...aspetto una cresta più alta, ce la appoggio e lei si spiaggia.
E' un pesce bellissimo, non enorme sui 3,5 kg, ma preso con la branzino, in quelle condizioni è per me una cattura eccezionale e si merita 3 foto:


La gioranta è splendida ma manca ancora la ciliegina:
dopo un ora aggancio un altro bel pesce...


lo metto in una pozza e dopo 5 minuti un'altra appena più piccola: è giunto il momento...doppio rilascio di spigole...chissà quando mi ricapiterà


Alle 5 siamo alla macchina digiuni ma pieni di felicità: 6 spigole a testa, in condizioni bellissime, nel nostro mare e nelle nostre onde, senza il minimo rimorso per nulla, 3 a testa trattenute, 3 a testa rilasciate, una grossa a testa presa.
Perfetta parità...come al solito!

Alcune considerazioni a margine:

Io pescavo con morethan Branzino Nightmare custom, morethan branzino 3000 e max power 15 lb terminale del 28; Daniele 1021, exage 4000 e varivas sebass 16 lb e terminale del 31
L'attrezzatura costosa è solo un piacere per noi, pescano allo stesso modo attrezzi molto più economici di dimensioni e caratteristiche meccaniche simili

Alcuni frame dei video dei rilasci delle spigole:

 
Un brevissimo video:

video

Altra osservazione sul menù delle spigole....questa foto pensa valga più di molte parole:

02/11/10

Spigola nella tempesta

Un weekend di pesca e cappotti, ma quando dopo 15 ore e passa passate al mare a giro su e giù per la maremma riesci a capire qualcosa e prendere un paio di pesci nella bufera totale con 20-25 nodi di scirocco teso, sotto il diluvio e con la forma di vita più vicina a 3 km beh, io mi sento in pace col mondo....azzero tutti i pensieri quotidiani di ogni tipo e godo veramente la mia vita 


Per la precisione presa qui:

 

 e quest'altro pescino mi ha dato la conferma che non era un caso e ancora più felicità