12/06/11

Da solo in torrente

Per me quello che sto vivendo è un periodo molto complicato...tanti dubbi, tante incertezze e tante paure mi assillano ogni giorno.
In questi momenti però la pesca mi viene sempre in aiuto, rifuggo la gente, le pescate in compagnia e mi rifugio per qualche ora in quei posti dove  la mente si libera da tutto e si concentra solo su una cosa: pescare.
E' giugno, è domenica ed è caldo, il mare sarà pieno di gente e di barche, l'unico modo per stare bene è salire sui monti e cercare l'emozione della scoperta di un nuovo torrente visto sulle mappe.

 

Già trovarlo e vedere che l'ambiente è bello e giusto per le trote è sempre per me la prima vittoria.
Passare poi le tre ore successive a risalirlo studiando ogni buca, calcolandone meticolosamente l'approccio e dove lanciare, la pesantezza dell'esca da usare e dove farla passare per scovare la trota più grossa, è la giusta carica che ci vuole per ridarsi morale.
La pesca per me è questo, passare del tempo non in relax come molti forse si immaginano, ma totalmente invasato, con in testa solo canna, mulinello, esca e preda da insidiare.
Capire ad esempio i comportamenti di una trota, cosa e come sta cacciando, muovermi e presentare la mia imitazione nel modo che lei vuole...prenderla, combatterla, guardarla nelle mie mani e poi vederla scivolare via e rimettersi a nuotare...non posso chiedere di più, io quando ci riesco sto bene sempre qualunque cosa mi succeda attorno...è inutile che lo neghi ed è la magia della pesca che mi spinge sempre a ripartire e cercare sfide nuove...
Ora basta, questo post per me è molto importante, ha un valore simbolico, catartico, deve farmi capire ancora di più scrivendolo e rendendolo pubblico come lo spinning afforntato in un certo modo faccia bene, sia una cura, una purificazione del corpo e della mente che aiuta a superare le difficoltà e a ripartire.
A questa visione della pesca sono arrivato dopo oramai diversi anni e forse è frutto anche di un mio cambiamento di vita e di priorità, ma non posso che "pubblicizzarlo" e far capire come invidie, rivalità, antipatie siano assurde se si condivide la stessa passione la quale deve servire sopratuttto a farci star bene ed essere felici.
Vi lascio con un pò di foto di variopinte livree:

10 commenti:

  1. Bel report Andrea!
    ...una passione che va oltre il passatempo mediante la quale si rilassano le tensioni della vita quotidiana

    RispondiElimina
  2. Infatti Lorenzo...era un pò non scrivevo ma questa pescata da solo mi ha rigenerato davvero facendomi provare sensazioni che mi mancavano da un pò e che sono sempre un gran toccasana...peccato che ho perso un trotone molto bello che mi ha fatto un salto fuori dall'acqua di un metro tipo serra e si è slamato...sarà per la prossima volta, ho trovato un torrente in salute con bei pesci e non posso farlo scappare...la terza trota ha in bocca un martin 6 per farti fare le proporzioni, sarà stata sui 40 cm secondo me

    RispondiElimina
  3. Bravo Andrea! Sempre esploratore e avventuriero, cosa rara per un Grossetano! Sembra proprio tu abbia trovato un bellissimo e ricco torrente.

    p.s. il tuo mex l'ho letto stamani... ormai il mio cel è inutilizzato ihih :-P

    RispondiElimina
  4. Sei irrecuperabile....comunque sia la prossima volta ti chiamo due giorni prima visto che 24 ore di anticipo non sono sufficienti!!

    RispondiElimina
  5. Complimenti Andrea!!Bel report e bellissime trote!

    RispondiElimina
  6. bel report andrea

    la pesca in solitaria in torrente è un toccasana per lo stress

    RispondiElimina
  7. Andrea mo' che è sta' storia???
    La vita si vive e basta!! sei un personaggio stile avventuriero e poi ti sento giu'...non mi piace questa cosa!!!sveglia!!!! come ti vengono bene le cose nella tua passione preferita ti verranno bene anche le altre!!!sempre avanti senza paura!! mai pensare troppo!!
    fidati del vecchio doc!!! ti aspetto sorridente e felice come ti ho spesso visto in foto!!
    '' nofear '' you know!!
    Dr.Bass

    RispondiElimina
  8. ok Doc, ci proverò...io cerco sempre di fare buon viso a cattivo gioco ma non sempre è così semplice. Mi fiderò del vecchio Doc e ci proverò ancora con più caparbietà, promesso! p.s.
    Grazie

    RispondiElimina
  9. Per me sei un esempio da seguire; mi piace il tuo spirito pionieristico e la voglia di scoprire cose nuove, poi con la passione per la fotografia sei riuscito ad immortalare oltre alle immagini anche sensazioni ed emozioni... questo a mio avviso è il vero senso della nostra passione...

    forza Andre, ti aspetto al varco !!!

    RispondiElimina
  10. Grazie Francesco, in questo periodo non sapete la forza che mi date a leggervi così contenti nel vedere 4 foto di una girata in montagna accompagnate da riflessioni che mi vengono davvero da dentro.
    A prestissimo spero

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.