29/06/11

Domenica 26 giugno

La pesca è la mia vita e l'architettura il mio lavoro.

Poter camminare da solo in un torrente semisconosciuto nei territori che per anni mio babbo ha attraversato cacciando mi ha reso felice della scoperta di posti così belli e affacinanti nella nostra terra.
Farlo in un giorno molto particolare è stato per me un modo di rielaborare e risentire forti i racconti di caccia, di cani, di boschi e terreni aspri che pur se  ricordo come brevi flash di infanzia, sono  nitidi e scolpiti nella mia mente.
Le passeggiate che ho fatto con lui da piccolo con setter al seguito e fucile in spalla sono ricordi vivi e che mi hanno avvicinato al mio attuale modo di sentire e vivere la vita.

La natura nella nostra Maremma è sempre bellissima, nuova e affascinante...le tante scoperte che ho fatto in questi anni sono piccoli segreti che custodirò e che condividerò con chi vorrà avvicinarsi a certe sensazioni insieme a me.
La terra come il mare è di tutti e non esistono ed esisteranno mai ambienti privati, solo luoghi più o meno intimi.
La pesca, e lo spinning in particolare, regala sempre emozioni vere e sincere,  fondamentali per me per vivere sereno e felice. 
  
 
 
 

Si riparte

8 commenti:

  1. Ti invidio per la terra in cui vivi e ti ammiro per come la vivi.....spero tanto che il bel modo che hai di raccontarlo "prenda" sempre piu' persone e le porti a rispettare la natura che le circonda...

    Complimenti

    Guido da Monza

    RispondiElimina
  2. Grande Andre! Bellissimo post! Che bei torrentini.. ti accompagnerei volentieri :) anche senza canna!

    RispondiElimina
  3. Belle buche :)
    Andrea certi ricordi sarannno con te tutta la vita e ti daranno sempre la forza di andare avanti nei momenti difficili, fanne tesoro ;-)

    RispondiElimina
  4. Grazie ragazzi...un post a volte è un pò come uno sfogo, una voglia di rendere pubblico un pensiero che hai e nel quale credi fermamente.

    RispondiElimina
  5. Andrea questi posticini mi ricordano antiche pescate giovanili...con salcicce di fegato di cinghiale e chianti benedetto!!!! se in autunno salgo a firenze a trovare la cugina...si va' insieme da qualche parte...a bere e mangiare funghi con cannellini all'olio di frantoio..prima si fa' cosi' poi si pesca!!!!!
    metti una bella foto che sorridi!!!! ci manca la tua faccia sorridente!!
    marco aka Dr.Bass

    RispondiElimina
  6. E' un po' che seguo il tuo blog Dada, anche se magari non lo sai. Certi ricordi sono scolpiti anche nella mia di memoria, anche se non ho mai condiviso certe passioni con la tua stessa forza. Ad esempio ricorderò per sempre il tuo viso quando, al pranzo del tuo compleanno di tanti anni fa, hai scartato una sorpresa in più, che non ti aspettavi di ricevere. Era il tuo primo rotante e ti avevano detto che era troppo presto e te lo avrebbero regalato in seguito... Eri seduto sul divano, quello subito dopo la porta del salotto a sinistra ed eri il ritratto della felicità più pura, uno dei migliori che ricordi di aver visto. Spero di rivederlo un giorno. Un abbraccio.

    Giacomo

    RispondiElimina
  7. Ciao Giacomo, è un gran piacere per me leggerti.
    Come sai per me non c'è facebook, ne twitter ne altri social network...per me sono inutili e non avrei tempo e modo di starci dietro come vorrei.
    Il blog è uno spazio privato, un diario nel quale scrivi penseri veri e quello che ti fa piacere condividere con gli altri...non chiacchiere futili ma penisieri che ritieni davvero importanti.
    A presto, e commenta senza problemi anche post meno sentiti ;)

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.