27/10/11

Emozioni di fine ottobre

Ultimi giorni di ottobre caratterizzati decisamente da un'attività notevole nell'immediato sottocosta maremmano. Sono infatti presenti grandi branchi di foraggio (aliccette e piccole sardine) che innescano un'attività predatoria decisamente rara dalle nostre parti. Nell'ultima uscita in barca con i miei amici Massimiliano e Simone, dopo una mattinata abbastanza statica e rallegrata solo da un fantastico branco di delfini (circa 20 esemplari), che si è fatto immortalare a pochi metri dalla barca, abbiamo trovato imbrancati sugarelli e sgombri a mezz'acqua su palle di alicette, che ci hanno garantito un'oretta molto divertente con strike a ripetizione.


Il pomeriggio il mare si è calmato e con esso è iniziata la frenesia: prima una veloce mangianza di palamite mi ha permesso di testare il  DUO Beach walker 110 un esca che mi ero fatto spedire (dico ero in quanto anche lei è passata a miglior vita grazie alla "delicatezza" del mio amico Masismiliano ;)) proprio per usarla sui tunnidi. Conscio dell'ottima riuscita che hanno in queste situazioni esche sinking come l'artist o il rogos, questa esca essendo pesantuccia (20 grammi), compatta e sinking pensavo facesse bene il suo dovere...infatti primo lancio subito strike! 
Dopo poco il mare ha cominciato a riempirsi di spruzzi e salti: tonni rossi sulle alici ci hanno mandato in frenesia totale e nella calca e nella foga, lancio veloce, ripartenza a 25 nodi, rilancio veloce e grandi intrighii, un tonno con la labrax l'ho aggnaciato (e purtroppo strappato quasi subito) che però è stata la sua ultima piega. infatti poco dopo (come testimonia il video ;)) ha fatto una brutta fine e ora giace con il cerate hyper custom 3000, bobina e pomello rcs...sul fondo dell'argentario a 100 metri e passa...
Almeno è morta in battaglia in gloria!!





11 commenti:

  1. Porcaccia miseria labrax e certate in fondo al mare non se po sentì :-) per il resto i miei complimenti !!!

    RispondiElimina
  2. Hola Andrea.
    Bonitas imagenes,menudas pajareras,me gusta esa forma de seguirlas con la barca,parar y lanzar rapidamente.
    UN FUERTE ABRAZO.

    RispondiElimina
  3. Fico ! Che strana la rottura sul tonno non immaginavo potessero rompere cosi in fretta con i denti. Alla fine li avevate proprio vicini, bella esperienza.

    RispondiElimina
  4. Tutto veramente molto bello, peccato per l' attrezzatura.

    RispondiElimina
  5. Meno male che Massimiliano ha fatto il bravo e sono quasi pronti i sostituti!!!
    La rottura è stata molto strana, secondo me o ha rotto con la coda, o non so...è stata secca e netta

    RispondiElimina
  6. Very nice pictures!

    great job!

    Ot

    RispondiElimina
  7. Tocca faglie er funerale a quella canna!!
    Fossi in te sentirei il Dottore...ha ottimi contatti con la ditta Fabozzi..di sicuro te rimedia un lavoretto pulito ed economico...
    Dai retta a me...senti er Dottore ;)
    squid

    RispondiElimina
  8. A DISPOSIZIONE!!! IO I FUNERALI LI FACCIO SPESSO AGLI ARTIFICIALI PERSI...FIGURIAMOCI AGLI ATTREZZI SIA DISPERSI CHE ROTTI.COMUNQUE
    TUTTO SPETTACOLARE!! PECCATO DAVVERO PER GLI ATTREZZI ANDATI IN MARE MA A VOLTE PUO' ACCADERE NELLO SPOSTARSI RAPIDAMENTE UNA DIMENTICANZA NEL RIPORLI..COSE CHE SUCCEDONO C'E' CHI LI HA LASCIATI APPOGGIATI ALLA MACCHINA AFFIANCO E SOLO A CASA SI E' ACCORTO DEL FATTACCIO...ANDATI.....
    Dr.Bass

    RispondiElimina
  9. La labrax è risorta dalle ceneri...copia labrax e stellino 4000 sw...però ora la labrax dovrà essere customizzata dal romano che ha fatto "er danno"...varrà così rinominata "Labbrax #1"
    ;)

    RispondiElimina
  10. cosi' si fa'!
    me sembra giusto.
    Dr.Bass

    RispondiElimina
  11. Hip Hip ICAB!!
    ;)
    squid

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.